Il concetto teologico di Tradizione

“Noi non possiamo né vogliamo conoscere una rivelazione diversa da quella che ci è stata tramandata”. La Parola di Dio è, per noi che la riceviamo, la Parola autoritativamente trasmessaci. La Costituzione Dogmatica Dei Verbum sulla divina rivelazione nel secondo capitolo, così esordia: “Dio, con somma benignità, dispose che quanto egli aveva rivelato per la…

Continua a leggere….

Universale Concretum. La veridicità e la bellezza di tale concetto

“Come quando il rosso gigantesco sipario si divide nel mezzo e sulla rampa compare l’annunciatore: invisibile alle spalle il mistero del teatro, egli stesso come una quintessenza del dramma che ora dovrà svolgersi: così apparve il Signore del mondo”. Non vi è immagine più bella per poter descrivere “l’irruzione” nel mondo di Dio. All’apertura del…

Continua a leggere….

Autobiobibliografia: i cento libri che hanno segnato la mia vita

Facendo seguito al meme lanciato mercoledì 16 settembre 2015 da Ivano Landi, anche io voglio unirmi a quella schiera di scrittori e blogger che pian piano vanno compilando una lista di 100 libri che, in un modo o nell’altro, hanno influenzato la propria vita o il proprio pensiero. Non è stato facile per me compilare questa…

Continua a leggere….

Il viaggio verso Itaca cullati dalle braccia della Bellezza

C’è Itaca, al centro della poetica di Giuseppe Marino. Itaca come ricerca, come fuoco interiore da perseguire: un traguardo che si sposta sempre più in là, per dirla con i versi di memoria montaliana. I versi di Marino racchiusi ne “Il viandante e il divoratore di falene” (edizioni Del Faro, 2014) riflettono l’ambizione nascosta, la…

Continua a leggere….

L’abbazia dei cento peccati di Marcello Simoni

Autore: Marcello Simoni Titolo: L’abbazia dei cento peccati Editore: Newton Compton Pagine: 335 Anno di pubblicazione: 2014 Prezzo copertina: 9,90 È l’agosto del 1346, quando il valoroso Maynard de Rocheblanche, sopravissuto a una disfatta militare, entra in possesso di una pergamena con un enigma vergato. Quell’oscuro testo fa riferimento a una reliquia preziosa, avvolta nel…

Continua a leggere….

Il calice della vita di Glenn Cooper

Gleen cooper

Autore: Glenn Cooper Titolo: Il calice della vita Editore: Nord Pagine: 409 Anno di pubblicazione: 2013 Prezzo copertina: 11,82 Per secoli, regnanti e uomini di fede, eruditi e avventurieri lo hanno cercato. Invano. Nessuno ha scoperto dov’è custodito. E nessuno ha scoperto quale mistero nasconda. Fino a oggi. Inghilterra, XV secolo. Non è la prigione a…

Continua a leggere….

La cattedrale dei nove specchi di Martin Rua

Autore: Martin Rua Titolo: La cattedrale dei nove specchi Editore: Newton Compton Pagine: 283 Anno di pubblicazione: 2014 Prezzo copertina: 9,90  Di passaggio a Praga per l’inaugurazione di una mostra su preziosi oggetti alchemici, Lorenzo Aragona si ritrova coinvolto nell’oscuro omicidio di un vecchio antiquario, anche lui appassionato di misteri. L’episodio lo catapulterà in un…

Continua a leggere….

Un viaggio oltre la bellezza dell’immaginazione

 Citazione “Al cuore dirò di sperare:/ umane forze non desistete/ o Verità custodita dagli umani dubbi/ la luce risplende vergine e pura/ oltre la coltre di grigi contorni.” Lo scrittore Giuseppe Marino già incontrato in precedenza con il romanzo“L’arpa di Turlough O’ Carolan” ritorna a far parlare di sé con un lavoro completamente diverso “Il viandante e il divoratore…

Continua a leggere….

Il viandante e il divoratore di falene. Presentazione di Oronzo Corigliano

Giuseppe Marino è un giovane amico, coetaneo di mio figlio di cui è stato compagno di scuola, ma che io frequento come fosse un mio coetaneo, un amico di vecchia data. Giuseppe per la sua maturità, la sua attenzione ai problemi locali e i suoi interessi culturali, stimolanti, annulla la differenza di età tanto da…

Continua a leggere….

Il viandante e il divoratore di falene. Prefazione di Maddalena Corigliano Bivona

La società odierna ha perso il suo diretto referente: l’uomo. In effetti, in un contesto sociale divorato dal materialismo ed assuefatto ad esso é quasi difficile parlare di spiritualità come “inizio e fine” dell’essere umano così come viene inteso da Giuseppe Marino nelle sue liriche. L’uomo, se vogliamo guardare a lui da un punto di…

Continua a leggere….

Page 7 of 9