L’abbazia dei cento peccati di Marcello Simoni

Autore: Marcello Simoni Titolo: L’abbazia dei cento peccati Editore: Newton Compton Pagine: 335 Anno di pubblicazione: 2014 Prezzo copertina: 9,90 È l’agosto del 1346, quando il valoroso Maynard de Rocheblanche, sopravissuto a una disfatta militare, entra in possesso di una pergamena con un enigma vergato. Quell’oscuro testo fa riferimento a una reliquia preziosa, avvolta nel…

Continua a leggere….

Il calice della vita di Glenn Cooper

Gleen cooper

Autore: Glenn Cooper Titolo: Il calice della vita Editore: Nord Pagine: 409 Anno di pubblicazione: 2013 Prezzo copertina: 11,82 Per secoli, regnanti e uomini di fede, eruditi e avventurieri lo hanno cercato. Invano. Nessuno ha scoperto dov’è custodito. E nessuno ha scoperto quale mistero nasconda. Fino a oggi. Inghilterra, XV secolo. Non è la prigione a…

Continua a leggere….

La cattedrale dei nove specchi di Martin Rua

Autore: Martin Rua Titolo: La cattedrale dei nove specchi Editore: Newton Compton Pagine: 283 Anno di pubblicazione: 2014 Prezzo copertina: 9,90  Di passaggio a Praga per l’inaugurazione di una mostra su preziosi oggetti alchemici, Lorenzo Aragona si ritrova coinvolto nell’oscuro omicidio di un vecchio antiquario, anche lui appassionato di misteri. L’episodio lo catapulterà in un…

Continua a leggere….

Un viaggio oltre la bellezza dell’immaginazione

 Citazione “Al cuore dirò di sperare:/ umane forze non desistete/ o Verità custodita dagli umani dubbi/ la luce risplende vergine e pura/ oltre la coltre di grigi contorni.” Lo scrittore Giuseppe Marino già incontrato in precedenza con il romanzo“L’arpa di Turlough O’ Carolan” ritorna a far parlare di sé con un lavoro completamente diverso “Il viandante e il divoratore…

Continua a leggere….

Il viandante e il divoratore di falene. Presentazione di Oronzo Corigliano

Giuseppe Marino è un giovane amico, coetaneo di mio figlio di cui è stato compagno di scuola, ma che io frequento come fosse un mio coetaneo, un amico di vecchia data. Giuseppe per la sua maturità, la sua attenzione ai problemi locali e i suoi interessi culturali, stimolanti, annulla la differenza di età tanto da…

Continua a leggere….

Il viandante e il divoratore di falene. Prefazione di Maddalena Corigliano Bivona

La società odierna ha perso il suo diretto referente: l’uomo. In effetti, in un contesto sociale divorato dal materialismo ed assuefatto ad esso é quasi difficile parlare di spiritualità come “inizio e fine” dell’essere umano così come viene inteso da Giuseppe Marino nelle sue liriche. L’uomo, se vogliamo guardare a lui da un punto di…

Continua a leggere….

Recensione di Sabina Sirsi

titolo-ultimo-canotre-dirlanda

Un fiume, le cui acque sempre in movimento, nascondono il suo letto, ma in alcuni momenti lo lasciano intravedere. Giuseppe Marino ha incontrato l’arte di Turlough O’Carolan e da quell’incontro ne e’ nato un romanzo. Uno scrittore che incontra un musicista, il linguaggio narrativo che incontra quello musicale. L’arte, quindi, che incontra l’arte non per…

Continua a leggere….

La bellezza di volgere lo sguardo al di la di tutte le cose terrene

titolo-ultimo-canotre-dirlanda

“L’ultimo cantore d’Irlanda” dello scrittore emergente Giuseppe Marino è un bel romanzo che narra le vicende dell’arpista irlandese Turlough O’Carolan, colui che alla fine del Seicento fuse la musica comune con quella colta. Questa magia compiuta dal musicista mise assieme la bellezza e la sofferenza dei luoghi, unendo la musica popolare con quella colta. L’arpista divenne cieco…

Continua a leggere….

La meravigliosa avventura dell’arpista irlandese Turlough O’Carolan

titolo-ultimo-canotre-dirlanda

Il romanzo “L’ultimo cantore d’Irlanda” racconta la piccola avventura dell’arpista irlandese Turlough O’Carolan, vissuto alla fine del Seicento, che fu in grado di fondere la musica popolare irlandese con la musica colta del secolo dei lumi. Attraverso i suoi suoni è riuscito a cogliere e raccontare la bellezza e la sofferenza della sua terra. L’arpista…

Continua a leggere….

La storia di un personaggio divenuto leggenda

titolo-ultimo-canotre-dirlanda

Turlough O’Carolan, l’ultimo bardo d’Irlanda, il leggendario cantastorie, con la sua arpa e il suo fedele amico e aiutante, Phelan, viaggia per tutta l’isola verde, la sua amata patria Irlanda, fermandosi per paesi, castelli e città a rallegrare i cuori di chi è oppresso e le corti dei nobili. Carolan, cieco fin dalla gioventù, si…

Continua a leggere….

Page 7 of 8