James Joyce e il rifiuto della cultura cattolica irlandese

Joyce è un irlandese anglofono, profondamente legato alle radici etniche della sua terra, ma educato ad una cultura sostanzialmente aliena, quella di lingua inglese proprio perché la lingua degli oppressori apriva orizzonti culturali quasi illimitati e rappresentava un patrimonio ricchissimo e irrinunciabile. Giorgio Melchiori Il post nasce per ricordare questo grande scrittore nell’occasione dell’anniversario della…

Continua a leggere….

Come ho creato il piano editoriale del mio blog

Ho aperto questo blog nel mese di novembre del 2014. Poco più di due anni fa. L’idea di avere uno spazio nel mondo della blogosfera nasceva dal fatto che oggi un autore esordiente non può esimersi dal non averlo e per diversi motivi. Soprattutto dopo aver pubblicato dei libri. A tal proposito il post di…

Continua a leggere….

3 parole per il 2017

Questo post sul gioco delle tre parole nasce dopo aver letto i rispettivi post di Daniele Imperi sul suo blog Penna blu e di Silvia Algerino sul suo blog Lettore Creativo. Non ne ero a conoscenza: possibile che pur seguendo questi due blog da molto tempo mi siano sfuggiti negli anni precedenti? A quanto pare credo proprio di…

Continua a leggere….

Come augurarvi buon anno con un proverbio irlandese

Il nuovo anno è già partito. Sogni, speranze, desideri, progetti e tanti buoni propositi abitano e animano il nostro cuore in queste ore. Desideriamo davvero che il nuovo anno sia migliore di quello che è già passato e che i nostri progetti vedano la luce. In questa giornata alziamo i calici per brindare e augurare…

Continua a leggere….

Le mie 38 letture in 6 mesi

Leggere è un piacere. Si possono trascorrere ore e ore in compagnia di un libro, qualunque esso sia. Sembra essere un oggetto inanimato, eppure contiene tanta vita per se stesso, per chi lo ha scritto e per chi lo legge. “Talvolta penso che il paradiso sia leggere continuamente, senza fine” annotava Virginia Wolf. Come darle…

Continua a leggere….

Le letture di dicembre 2016

Le mie letture del mese di dicembre 1. STRUKUL Matteo, I Medici. Una dinastia al potere, Newton Compton 2016, pagg. 382 Firenze, 1429. Alla morte del patriarca Giovanni de’ Medici, i figli Cosimo e Lorenzo si trovano a capo di un autentico impero finanziario, ma, al tempo stesso, accerchiati da nemici giurati come Rinaldo degli…

Continua a leggere….

Le letture di novembre 2016

Le mie letture del mese di novembre 1. RODE Tibor, Cospirazione Monnalisa, Newton Compton 2016, pagg. 431 A Milano L’Ultima Cena di Leonardo Da Vinci viene distrutta. In Messico un gruppo di modelle viene rapito e seviziato: quando le ragazze riappaiono, i loro volti sono brutalmente sfigurati da quelle che sembrano vere e proprie operazioni…

Continua a leggere….

L’Ultimo Cantore d’Irlanda

irlanda-cantore

Eccomi qui. Sono ritornato. E come si suol dire: “Più agguerrito che mai”. Sono qui a scrivere questo nuovo post per comunicarti una novità assoluta per quanto riguarda la mia vita da scrittore e invitarti a gioire con me per quanto sto per scrivere. Comprenderai, così, il perché di questa mia assenza sul web da…

Continua a leggere….

Le letture di ottobre 2016

Le mie letture del mese di ottobre 1. SWERLING Beverly, La cabala di fuoco. I numeri segreti di Dio, TRE60 2013, pagg. 451 Per la storica americana Annie Kendall la generosa offerta della Shalom Foundation è un’opportunità irrinunciabile: trasferirsi per tre mesi in Inghilterra e condurre una ricerca sull’enigmatica figura dell’Ebreo di Holborn, un personaggio…

Continua a leggere….

Le letture di settembre 2016

Le mie letture del mese di settembre.   1. MARIANI Scott, L’enigma dell’ultimo apostolo, TRE60 2009, pagg. 335 Zoë Bradbury non sa di essere in pericolo: sebbene abbia soltanto ventisei anni, è già un’archeologa biblica di fama internazionale e, nel corso delle sue ricerche, ha elaborato una teoria rivoluzionaria. E adesso ha trovato la prova…

Continua a leggere….

Page 5 of 9