Intervista a Robert Sanasi, autore del romanzo “Dublin Calling: Generazione in fuga”

Cari amici, lettori e naviganti, benvenuti nel mio piccolo e modesto salottino letterario. Questa per me è la prima intervista che realizzo. Almeno qui, in questo mondo virtuale. Sì, poiché nel mondo reale molte sono state le occasioni in cui ho dovuto vestire i panni di chi conduce interviste ad altri colleghi scrittori. Ovviamente, quando…

Continua a leggere….

George Moore ovvero il primo scrittore irlandese moderno

Oggi un brevissimo post. Che più breve non si può! Si tratta semplicemente di ricordare uno scrittore irlandese nell’anniversario della sua scomparsa. Si tratta di George Moore. Chi era costui? George Augustus Moore (24 febbraio 1852 – 21 gennaio 1933) è stato uno scrittore, poeta, drammaturgo e critico d’arte irlandese. Studiò arte a Parigi. Influenzato…

Continua a leggere….

Come gli Induisti raccontano il mito della Creazione, parte 2

LA CREAZIONE NYAYA, MIMAMSA, VEDANTA Le scuole filosofiche ortodosse induiste seguono, attraverso la riflessione, quella dottrina per acquisire la conoscenza necessaria per raggiungere la salvezza, la liberazione dal ciclo delle rinascite. Queste discipline sono di carattere teorico-pratiche. NYAYA. il mondo è un complesso di esseri viventi ed esseri non-viventi. Gli esseri viventi sperimentano il frutto…

Continua a leggere….

Come gli Induisti raccontano il mito della Creazione, parte 1

Origine storica L’Induismo è una religione dell’Oriente, nato e sviluppato nella valle dell’Indo, dopo la prima metà del II millennio a.C. in seguito all’invasione di una popolazione nomade di razza ariana, proveniente da nord-ovest. Questa popolazione, invadendo le Indie, porta una nuova cultura, che sarà la base e il fondamento della nascita dell’Induismo. L’Induismo non…

Continua a leggere….

George Berkeley e la sua teoria dell’essere come percezione

Un raggio di immaginazione o di sapienza potrebbe illuminare l’universo, e brillare nei secoli più remoti. George Berkeley Anche il post di oggi (così come avvenuto ieri per James Joyce) è per omaggiare un altro grande scrittore irlandese: George Berkeley, nell’anniversario della sua scomparsa avvenuta il 14 gennaio del 1753. Cenni biografici George Berkeley, dunque:…

Continua a leggere….

James Joyce e il rifiuto della cultura cattolica irlandese

Joyce è un irlandese anglofono, profondamente legato alle radici etniche della sua terra, ma educato ad una cultura sostanzialmente aliena, quella di lingua inglese proprio perché la lingua degli oppressori apriva orizzonti culturali quasi illimitati e rappresentava un patrimonio ricchissimo e irrinunciabile. Giorgio Melchiori Il post nasce per ricordare questo grande scrittore nell’occasione dell’anniversario della…

Continua a leggere….

Come ho creato il piano editoriale del mio blog

Ho aperto questo blog nel mese di novembre del 2014. Poco più di due anni fa. L’idea di avere uno spazio nel mondo della blogosfera nasceva dal fatto che oggi un autore esordiente non può esimersi dal non averlo e per diversi motivi. Soprattutto dopo aver pubblicato dei libri. A tal proposito il post di…

Continua a leggere….

3 parole per il 2017

Questo post sul gioco delle tre parole nasce dopo aver letto i rispettivi post di Daniele Imperi sul suo blog Penna blu e di Silvia Algerino sul suo blog Lettore Creativo. Non ne ero a conoscenza: possibile che pur seguendo questi due blog da molto tempo mi siano sfuggiti negli anni precedenti? A quanto pare credo proprio di…

Continua a leggere….

Come augurarvi buon anno con un proverbio irlandese

Il nuovo anno è già partito. Sogni, speranze, desideri, progetti e tanti buoni propositi abitano e animano il nostro cuore in queste ore. Desideriamo davvero che il nuovo anno sia migliore di quello che è già passato e che i nostri progetti vedano la luce. In questa giornata alziamo i calici per brindare e augurare…

Continua a leggere….

Le mie 38 letture in 6 mesi

Leggere è un piacere. Si possono trascorrere ore e ore in compagnia di un libro, qualunque esso sia. Sembra essere un oggetto inanimato, eppure contiene tanta vita per se stesso, per chi lo ha scritto e per chi lo legge. “Talvolta penso che il paradiso sia leggere continuamente, senza fine” annotava Virginia Wolf. Come darle…

Continua a leggere….

Page 4 of 9