Il ritorno delle parole non dette

Il volo che una mente umana può intraprendere, tramite la fantasia, porta lontano. A volte in spazi e dimensioni sconosciuti, ma in egual misura, amati. I voli del cuore, lontani o vicini, a volte incomprensibili, portano ancora più lontano. E in questo spazio così lontano e così vicino, i sogni prendono forza, vitalità. Prendono carne. Si fanno corpo. Come il foglio che diventa barca. Come le parole esistenti e inesistenti su quel foglio. Parole. Anche se non scritte. Magari solamente sussurrate. Forse taciute. Parole d’amore. Si spera sempre che dopo un lungo viaggio facciano ritorno con parole più forti, più dense, più vere. Parole che siano corpo. Corpo d’amare.

 

___________________________________________________

Se vuoi essere aggiornato su tutti i miei articoli

Iscriviti alla Newsletter

 

I commenti sono l’anima del blog, perciò se l’articolo ti è piaciuto o pensi ti possa servire, lasciami un commento o una tua riflessione. Sarò felice di risponderti.

Lascia un commento da Facebook:

2 Comments

  • Milena Miccoli

    Reply Reply 28 ottobre 2018

    Si Giuseppe, hai proprio ragione… le parole sono l’unico veicolo, attraverso il quale, diventano concreti i nostri pensieri e sentimenti.

    • Giuseppe

      Reply Reply 28 ottobre 2018

      Ciao Milena, le parole hanno in sè la forza di creare. Nel bene e nel male! E hanno il potere di esprimere al meglio tutte le nostre emozioni, i nostri pensieri e sentimenti. Il pensiero ebraico può insegnarci molto su questo: la “parola creatrice”! Un saluto!!!

Leave A Response

* Denotes Required Field