I cento libri che rendono più ricca la nostra vita di Piero Dorfles

Questa recensione, se così si può chiamare, parte dal meme lanciato tempo fa da Ivano Landi e a cui io stesso ho partecipato (L’elenco completo dei partecipanti lo si può trovare a questo link). In quella occasione, in un commento, promisi di parlare di due libri in particolare: La saggezza dei libri di Harold Bloom e I cento libri che rendono più ricca la nostra vita di Piero Dorfles, edito da Garzanti nel 2014, di cui parlerò in questo post.

I libri bisogna viverli, rileggerli, sentirli propri, personalizzarli, farli diventare una parte di noi come noi diventiamo una parte di quello che hanno dentro.

Bello ed emozionante leggere queste parole. Tanto semplici quanto efficaci. Un invito ad intraprendere un meraviglioso viaggio alla scoperta che va oltre una semplice conoscenza di autori e titoli. Un viaggio dove emozioni e sentimenti si mescolano alle nostre esperienze e vissuti quotidiani. Efficace come sempre la teoria dei vasi comunicanti: questo “diventare” parte di un libro in un continuum crescente, dove la forza delle parole, la forza delle idee che hanno attraversato l’umanità continuano a formare anche noi e le nostre coscienze. I libri bisogna viverli come noi viviamo nei libri. Bisogna sentirli propri perché nei libri è già raccontata la nostra storia. La mia storia.

Leggere ha ancora un senso? Cosa può insegnarci e come può cambiarci la vita? In questo libro Piero Dorfles ci accompagna in un viaggio nel magico mondo della letteratura attraverso i cento capolavori che meglio rappresentano il nostro immaginario letterario condiviso e ineludibile, e traccia un itinerario che appassionerà quanti si rivolgono ai libri per studiare, insegnare e cercare di capire meglio il mondo. Raccontandoci di utopie, di desideri, di mondi fantastici e di avventure emozionanti, ci fa rivivere la lettura come un’avventura dello spirito, un’esperienza della vita e un passaggio di maturazione. Con la consapevolezza costante che più libri si hanno in comune, più grande è il sistema di riferimenti, di esperienza e di sapere condiviso che ci permette di vivere in armonia con gli altri. Da 1984 di Orwell a Se questo è un uomo di Levi, dal Conte di Montecristo di Dumas a Delitto e castigo di Dostoevskij, la lettura diventa così un’esperienza in grado di arricchire le nostre vite attraverso ponti di emozioni e saperi condivisi, capaci di avvicinarci al prossimo e di renderci sensibili al mondo e al destino dell’uomo.

Piero Dorfles, giornalista e critico letterario, ordina per gruppi tematici questi cento libri. Un elenco, tiene a precisare, che non si tratta di un “canone” personale, né tanto meno dei libri più importanti della storia della letteratura. Si tratta di un elenco stilato in seguito all’invito di molti radioascoltatori e telespettatori che seguivano alcune sue trasmissioni sui libri. Quali sono i libri che non si può non aver letto?

L’UTOPIA NEGATA

Swift, I viaggi di Gulliver

Bulgakov, Il Maestro e Margherita

Huxley, Il mondo nuovo

Bradbuty, Fahrenheit 451

Sciascia, Todo modo

Orwell, La fattoria degli animali

VIVERE LA STORIA

Tolstoj, Guerra e pace

Tomasi di Lampedusa, Il Gattopardo

Roth, La cripta dei cappuccini

Hemingway, Addio alle armi

Levi, Cristo si è fermato a Eboli

Bassani, Il giardino dei Finzi-Contini

Frank, Diario

Levi, Se questo è un uomo

Vittorini, Uomini e no

Fenoglio, Il partigiano Johnny

L’AVVENTURA E (È) LA FUGA

Twain, Le avventure di Huckleberry Finn

Stevenson, L’isola del tesoro

Conrad, Lord Jim

London, Il richiamo della foresta

Verne, Il giro del mondo in 80 giorni

Kipling, Il libro della giungla

Conan Doyle, Uno studio in rosso

Verne, Ventimila leghe sotto i mari

Christie, Poirot a Styles Court

Molnár, I ragazzi della via Paal

PERCORSI SOCIALI

Shakespeare, Macbeth

Maupassant, Bel Ami

Dumas, Il conte di Montecristo

Balzac, Papà Goriot

Dostoevskij, Delitto e castigo

Hugo, I miserabili

De Amicis, Cuore

Mann, I Buddenbrook

Scott Fitzgerald, Il grande Gatsby

Moravia, Il conformista

I ROMANZI-MONDO

Dostoevskij, I fratelli Karamazov

Melville, Moby Dick

Mann, La montagna incantata

Musil, L’uomo senza qualità

Proust, Alla ricerca del tempo perduto

García Marquez, Cent’anni di solitudine

Joyce, Ulisse

Gadda, Quer pasticciaccio brutto de Via Merulana

Levi, La chiave a stella

LA FRAMMENTAZIONE DELL’IO

Shakespeare, Amleto

Gončarov, Oblomov

Čechov, Zio Vanja

Melville, Bartleby lo scrivano

Stevenson, Lo strano caso del dottor Jekill e del signor Hyde

Kafka, Il processo

Svevo, La coscienza di Zeno

Pirandello, Il fu Mattia Pascal

Moravia, Gli indifferenti

Camus, Lo straniero

AL DI LÀ DEL PRINCIPIO DI RAGIONE

Carroll, Alice nel Paese delle Meraviglie / Attraverso lo specchio e quel che Alice vi trovò

Wilde, Il ritratto di Dorian Gray

Dickens, Ballata di Natale

Stoker, Dracula

Barrie, Peter Pan

Hesse, Siddharta

Poe, Racconti del mistero, dell’incubo e del terrore

Balzac, La pelle di zigrino

Shelley, Frankenstein

Dick, Ma gli androidi sognano pecore elettriche?

LE RADICI OSCURE DEL DESIDERIO

Goethe, I dolori del giovane Werther

Tolstoj, Anna Karenina

Brontë, Cime tempestose

Austen, Orgoglio e pregiudizio

Flaubert, Madame Bovary

Mann, La morte a Venezia

Mitchell, Via col vento

Lawrence, L’amante di Lady Chatterley

Maugham, Il velo dipinto

Nabokov, Lolita

Pasternak, Il dottor Živago

Capote, Colazione da Tiffany

Shakespeare, Romeo e Giulietta

LA SOLITUDINE DELLA VITA CONTEMPORANEA

Turgenev, Padri e figli

Conrad, Cuore di tenebra

Kafka, Il castello

Canetti, Auto da fé

Borges, Finzioni

Buzzati, Il deserto dei tartari

Beckett, Aspettando Godot

Roth, Il lamento di Portnoy

FORMAZIONE E RITI DI PASSAGGIO

GRIMM, Le fiabe del focolare

Stendhal, La Certosa di Parma

Dickens, David Copperfield

Conrad, La linea d’ombra

Golding, Il signore delle mosche

London, Martin Eden

Collodi, Le avventure di Pinocchio

Salinger, Il giovane Holden

Morante, L’isola di Arturo

Burgess, Arancia meccanica

Calvino, Il barone rampante

LO SCARAFAGGIO E IL DESTINO DELL’UOMO

Kafka, La metamorfosi

Questa, dunque, la lista de I cento libri che rendono più ricca la nostra vita. Discutibilissima, ovviamente.

Condividere è giusto...Share on LinkedIn0Share on Google+0Pin on Pinterest0Tweet about this on TwitterShare on Facebook0Email this to someone

Lascia un commento da Facebook:

6 Comments

  • Ivano Landi

    Reply Reply 24 novembre 2015

    Mentre leggevo il post, mi chiedevo in effetti su quali basi l’autore avesse fondato la sua lista, poi nel finale è arrivata la risposta: da utenti che seguivano le sue trasmissioni.
    Mi piace molto il criterio con cui è stata suddivisa in temi la lista. Per entrare però davvero dentro la questione, dovrei elaborare il tutto alla luce della mia esperienza personale, magari in un post apposito. Vedremo. Intanto grazie per questa bella condivisione.

    • Giuseppe

      Reply Reply 30 novembre 2015

      Grazie Ivano per essere passato a visitarmi e, soprattutto, grazie per il post di approfondimento sul tuo blog. L’idea di raggruppare libri in diverse tematiche è molto interessante, oltre che di grande utilità. Almeno credo: è come mettere ordine nella nostra testa e rendere più facili ed accessibili le nostre conoscenze.

  • silvia

    Reply Reply 29 novembre 2015

    Ho conosciuto questo blog, grazie al post di Ivano che ringrazio. Leggo poco rispetto a quanto vorrei, il tempo mi manca sempre… soprattutto ultimamente.
    La lista è molto lunga e personale, ovviamente come lo è la lettura, la vita, il tempo e l’età.
    A questa quindi mi permetto di aggiungere un libro che per me non ha tempo, per l’intensità del racconto.
    Di Richard Bach, più noto per il suo gabbiano… “Un ponte sull’eternità” e “Uno”, il suo seguito.
    Molti dei libri di questa lista non li ho mai letti e mai li leggerò, penso, ma metterò certamente nei preferiti questa pagina, per i miei prossimi acquisti.
    Insieme a Joshua di Massimiliano Riccardi, appena uscito.
    Buona giornata!

    • Giuseppe

      Reply Reply 30 novembre 2015

      Ciao Silvia. Benvenuta nel mio blog. Condivido con te la passione per la lettura, anche se, a dire il vero, il tempo che vorremmo dedicare non è mai abbastanza. A parte i grandi classici, neanche io ho letto tutti i libri elencati da Piero Dorfles. Comunque, non è mai troppo tardi. Colgo l’occasione per ringraziare Ivano per averti fatto conoscere il mio blog.

  • massimiliano riccardi

    Reply Reply 29 novembre 2015

    Ma grazie Silvia, davvero gentile.

    • Giuseppe

      Reply Reply 30 novembre 2015

      Ciao Massimiliano. Benvenuto nel mio blog. Appena posso vengo a passare dal tuo. Intanto i miei auguri per la tua nuova pubblicazione.

Leave A Response

* Denotes Required Field