Recensione di Elena Ferro

Ricevere delle recensioni o dei commenti positivi sulle proprie fatiche letterarie è sempre motivo di gioia. Riempie l’animo di gratificazioni e di soddisfazioni. Sapere che in giro per l’Italia ci sono lettori e lettrici qualificati che leggono il tuo romanzo e che lo recensiscono positivamente non ha prezzo. Quella che vi presento oggi è una…

Continua a leggere….

Festeggiando Saint Patrick’s Day

Oggi, 17 marzo, si festeggia Saint Patrick’s Day, ovvero la festa di San Patrizio, patrono dell’Irlanda. Una festa che vede riunirsi milioni di persone originarie dell’isola sparse per il mondo. Ma non solo. È una festa, infatti, che attira moltissimi turisti e curiosi a vivere una giornata all’insegna dell’allegria e della spensieratezza. Non manca, però, anche…

Continua a leggere….

Intervista a Liliana Onori, autrice di ”Come il sole di mezzanotte”

Cari amici, lettori e naviganti, benvenuti nel mio piccolo e modesto salottino letterario. L’articolo-intervista di oggi si inserisce a pieno titolo nella rubrica Per chi ama i libri ambientati in Irlanda, rubrica nata con l’idea di conoscere e approfondire le opere degli scrittori irlandesi da una parte, e di conoscere e promuovere le opere degli scrittori…

Continua a leggere….

Calendario editoriale di Febbraio

Carissimi, un breve post per condividere con voi il calendario degli appuntamenti del mese di Febbraio. Pubblicherò per la rubrica Per chi ama i libri ambientati in Irlanda 1 articolo-intervista, per la rubrica Saggistica un saggio su Hermann Hesse diviso in 5 parti e, per finire, l’ultimo giorno del mese un articolo su Le mie letture.…

Continua a leggere….

Intervista a Francesco Memoli, autore di “Dal verde chiaro al verde scuro. Le conseguenze dell’Irlanda”

Cari amici, lettori e naviganti, benvenuti nel mio piccolo e modesto salottino letterario. L’articolo-intervista di oggi si inserisce a pieno titolo nella rubrica Per chi ama i libri ambientati in Irlanda, rubrica nata con l’idea di conoscere e approfondire le opere degli scrittori irlandesi da una parte, e di conoscere e promuovere le opere degli scrittori…

Continua a leggere….

William Butler Yeats e la sua poetica visionaria

William Butler Yeats (Dublino, 13 giugno 1865 – Roquebrune-Cap-Martin, 28 gennaio 1939) è uno dei poeti irlandesi più famosi in assoluto. Uno dei più importanti. È stato il primo scrittore irlandese a ricevere il Premio Nobel per la Letteratura. Era il 1923. Dopo di lui lo hanno ricevuto George Bernard Shaw nel 1925, Samuel Beckett nel…

Continua a leggere….

Intervista a Robert Sanasi, autore del romanzo “Dublin Calling: Generazione in fuga”

Cari amici, lettori e naviganti, benvenuti nel mio piccolo e modesto salottino letterario. Questa per me è la prima intervista che realizzo. Almeno qui, in questo mondo virtuale. Sì, poiché nel mondo reale molte sono state le occasioni in cui ho dovuto vestire i panni di chi conduce interviste ad altri colleghi scrittori. Ovviamente, quando…

Continua a leggere….

George Moore ovvero il primo scrittore irlandese moderno

Oggi un brevissimo post. Che più breve non si può! Si tratta semplicemente di ricordare uno scrittore irlandese nell’anniversario della sua scomparsa. Si tratta di George Moore. Chi era costui? George Augustus Moore (24 febbraio 1852 – 21 gennaio 1933) è stato uno scrittore, poeta, drammaturgo e critico d’arte irlandese. Studiò arte a Parigi. Influenzato…

Continua a leggere….

George Berkeley e la sua teoria dell’essere come percezione

Un raggio di immaginazione o di sapienza potrebbe illuminare l’universo, e brillare nei secoli più remoti. George Berkeley Anche il post di oggi (così come avvenuto ieri per James Joyce) è per omaggiare un altro grande scrittore irlandese: George Berkeley, nell’anniversario della sua scomparsa avvenuta il 14 gennaio del 1753. Cenni biografici George Berkeley, dunque:…

Continua a leggere….

James Joyce e il rifiuto della cultura cattolica irlandese

Joyce è un irlandese anglofono, profondamente legato alle radici etniche della sua terra, ma educato ad una cultura sostanzialmente aliena, quella di lingua inglese proprio perché la lingua degli oppressori apriva orizzonti culturali quasi illimitati e rappresentava un patrimonio ricchissimo e irrinunciabile. Giorgio Melchiori Il post nasce per ricordare questo grande scrittore nell’occasione dell’anniversario della…

Continua a leggere….

Page 1 of 2